Loading...
SVILUPPO2018-12-28T01:21:34+00:00

Project Description

Sviluppo sostenibile in zona rurale

L’Estremo Nord del Camerun si confronta tuttora con difficoltà strutturali importanti che rallentano la crescita sociale e frenano lo sviluppo economico delle zone rurali, già svantaggiate per le condizioni climatiche avverse.

In questa regione a vocazione agricola, meno del’1% della popolazione ha accesso alle risorse idriche necessarie alla coltivazione e all’allevamento e in zona rurale la rete fognaria non è presente. Purtroppo prepersisotono quozienti di morbilità molto elevati legati alla cattiva gestione dell’acqua, che toccano prevalentemente la popolazione infantile con un tasso di mortalità del 150,7‰ tra i bambini di età inferiore a 5 anni. 

Per garantire un miglioramento generalizzato delle condizioni di vita, la Fondation Bethléem sostiene e realizza alcuni progetti per lo sviluppo rurale delle popolazioni della regione. Utilizzando fondi esterni o mezzi propri, si seguono programmi diversificati che interessano tanto il settore idraulico, quanto l’edilizia, gli allacciamenti alla rete elettrica, l’agricoltura, lo sviluppo igienico sanitario e quello sociale. Grazie all’attività del Ufficio Progetti, avviato nel 2005, questa modalità d’intervento è in continua crescita.

Ingegneria sociale

Importantissimo veicolo di sviluppo, l‘educazione è un obiettivo imprescindibile per lo stato camerunese. Le politiche di sensibilizzazione alla scolarizzazione, in particolare femminile, hanno avuto buon esito e il numero di giovani che frequentano le scuole superiori  è nettamente aumentato.

Anche la Fondation Bethléem ha voluto portare il suo contributo per favorire l’integrazione scolastica di bambini e giovani.

Grazie al lavoro di alcuni animatori è possibile sostenere circa 1000 alunni favorendone il percorso scolastico attraverso il sostegno diretto (pagamento delle tasse scolastiche, acquisto del materiale didattico, spese medico sanitarie, sottoscrizione degli atti di nascita) oppure con la costruzione di aule, l’acquisto di banchi o l’assunzione di insegnanti.

L’Unità idraulica

Fondata nel 2005, l’Unità idraulica della Fondation Bethléem contribuisce a dare una risposta effettiva alla mancanza di punti di accesso all’acqua e sensibilizza alla pratica delle norme igienico-sanitarie indispensabili a preservarne la salubrità. L’Unità gode oggi di un’ampia esperienza tanto nella realizzazione che nell’accompagnamento dei comitati per la gestione delle infrastrutture.

La collaborazione con ingegneri e tecnici di diversa nazionalità ha permesso la formazione continua del personale, il miglioramento costante della qualità del lavoro e la diversificazione delle attività.

L’installazione di un punto di accesso all’acqua è sempre accompagna da un’attività formativo educativa sull’igiene e la manutenzione. Gli incontri permettono d’informare la popolazione sulle conseguenze provocate dalle malattie legate alla cattiva igiene dell’acqua e promuovono la creazione di comitati di gestione.

L’Unità di costruzione

Le squadre di costruzione di servizi di base sono operative dall’apertura della Fondation Bethléem e lavorano in collaborazione con le altre unità incaricate di interventi paralleli.

Tutte le strutture della interne alla fondazione sono state realizzate dalle diverse squadre dell’Unità di costruzione, che intervengono anche nei villaggi. Negli anni sono state ristrutturate numerose scuole, realizzate oltre 70 classi (per le scuole materne, elementari e superiori), una maternità e tre piccoli centri sanitari. Gli edifici sono rifiniti (finestre e porte) e ammobiliati con materiale prodotto nei laboratori del Centro artigianale di Mouda (CFAAM).

L’Unità di costruzione contribuisce al miglioramento della rete di comunicazione stradale tramite la costruzione di piste, piccoli ponti e guadi e sostiene lo sviluppo economico dei villaggi con progetti di allacciamento alla rete elettrica statale.

PROMOTORI DEL PROGRESSO

È bello guardare al futuro e sapere di lasciare qualcosa di buono a chi verrà dopo di noi

VOLONTARI
FAI UN DONO